top of page

L'agente ha diritto di chiedere all'azienda l'esibizione della contabilità?

Un caso molto frequente in caso di litigio tra un agente e la propria azienda preponente è quello relativo al maturare delle provvigioni.

Difatti capita che si discuta in merito al calcolo delle provigioni dovute e al loro ammontare totale.

L'agente ha bisogno di chiedere all'azienda di mostrare le proprie annotazioni contabili, per potere vedere il numero di affari conclusi in una certa zona.

L'azienda spesso però si rifiuta di esibire questi documenti.



E' bene chiarire che solitamente il rifiuto non è giustificato (solo in casi specifici da vedere caso per caso) e la recente Cass. civ., sez. II, ord., 12 dicembre 2023, n. 34690 chiarisce proprio questo.

La Suprema Corte di Cassazione, specifica che «in tema di agenzia, se il preponente, nei rapporti con l'agente, non si attiene all'obbligo di agire con lealtà e buona fede e non lo informa, fornendogli la necessaria documentazione contabile, degli affari che sono stati conclusi nella zona di esclusiva dell'agente, in sede contenziosa, quest'ultimo ha facoltà di chiedere e ottenere, ai sensi degli artt. 210, c.p.c., 1749, c.c., l'esibizione della contabilità del preponente al fine di fornire la prova, della quale è onerato, delle provvigioni dirette e/o indirette a lui spettanti».



 

Avvocati esperti in Società - Agenzia - Provvigione mediatore


Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page