top of page

Donazione ai figli esclusi dalla legittima

Molto spesso siamo abituati a pensare che le donazioni solo ad alcuni figli creino problemi perché i figli esclusi possono impugnare queste per la famigerata "lesione delle legittima".

Non è però sempre così e occorre vedere nel caso concreto, come suggerisce la recente sentenza di Cassazione Cass. civ., sez. II, ord., 4 luglio 2023, n. 18814.



Il Tribunale di Teramo accogliendo la domanda degli attori accertava la lesione della quota di legittima spettante in relazione all'eredità della madre defunta, per effetto delle donazioni fatte in vita dalla donna a favore dell'altra figlia.

La Corte d'Appello ha confermato la decisione.

La vicenda è giunta all'attenzione della Suprema Corte su ricorso della figlia soccombente.

Quest'ultima lamenta il fatto che i giudici avessero configurato una donazione di denaro meritevole di collazione a fronte di versamenti di denaro dovuti alla convivenza con l'anziana madre per un importo ridotto e diluito nel tempo.

L'elemento della convivenza viene dunque valorizzato al fine di escludere la configurabilità della donazione «atteso che gli apporti dei conviventi, lungi dal costituire donazioni, si concretano in conferimenti vicendevoli».

Il ricorso risulta fondato.



Per informazioni il nostro Team di avvocati è a vostra disposizione


Avvocati esperti in donazioni e successoni


Per info: info@studiolegaleborsani.it


34 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page