• Studio Mariani Borsani

Eredità e conti correnti cointestati: a chi spettano i soldi?

Quante volte vi sarete imbattuti in una successione di qualche parente o amico?

Quante volte avrete sentito discutere per i conti correnti cointestati?

Accade sempre così: viene meno una persona cara, ma questa aveva un conto corrente cointestato con qualcun altro e non sapere come bisogna dividere i soldi che residuano sul conto.

Questo problema si pone soprattutto quanto siete certi che solo uno degli intestatari versava regolarmente il proprio stipendio o la propria pensione su quel conto, mentre l'altro versava poco o niente.

Vi sarete chiesti cosa bisogna fare, se sarebbe giusto dividere in parti uguali o restituire i soldi a chi li ha versati per lungo tempo.



La questione, vi possiamo assicurare, è fonte di molti litigi sia tra marito e moglie, che tra nonni e nipoti, zii e cugini.

I Giudici però sul punto sembrano avere pochi dubbi, come è avvenuto in una recentissima sentenza della Corte di Cassazione in cui si spiega che se si dimostra che solo uno ha versato soldi sul conto corrente, i soldi spetteranno a questo e non dovrà dividerli in parti uguali con gli eredi del defunto.

Infatti, dice la sent. Cass. civ., sez. II, sent., 27 luglio 2022, n. 23403, nel conto corrente bancario cointestato a più persone i rapporti interni tra correntisti, anche aventi facoltà di compiere operazioni disgiuntamente, sono regolati dal secondo comma dell’art. 1854 c.c., in virtù del quale debito e credito si dividono in quote uguali solo se non risulti diversamente; ne consegue che, ove, ad esempio, il saldo attivo risulti discendere dal versamento di somme di pertinenza di uno solo dei correntisti, si deve escludere che l’altro possa, nel rapporto interno, avanzare diritti sul saldo medesimo.


Avvocati esperti in diritto successorio


Per info: info@studiomarianiborsani.it

248 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti